Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Elezioni RSU alla Provincia

Ascoli Piceno | Il recente rinnovo della RSU della Provincia di Ascoli Piceno ha confermato la grande fiducia dei lavoratori che le sigle sindacalistiche riscuotono.

Nel clamore trionfalistico della triplice (CGIL – CISL – UIL) che con lo sbandierato 90% dei consensi ottenuti nel recente rinnovo della RSU della Provincia di Ascoli Piceno ha commentato trattarsi della grande fiducia dei lavoratori che queste sigle riscuotono.

Quel 10% (in realtà 15% dai conteggi effettuati) restante rischia di essere posto ai margini della comunicazione e della valutazione politica e sindacale.

Eppure non si è in presenza di un dato di “nicchia”. Il 15% dei voti presi dalla Ugl e dalla Csa (Coordinamento Sindacale Autonomo) con 1 seggio a testa, ha dimostrato un dato estremamente interessante.

I lavoratori elettori, infatti, non hanno premiato soltanto la “sigla” ma, come nel caso di quel 15%, anche le sigle minori nonché l’individuo.

Ne è una riprova Anna Maria Bachetti, dipendente della Provincia e consigliere comunale di F.I., che alla sua prima esperienza sindacale con il CSA, prende ben 35 voti e viene eletta nella RSU piazzandosi addirittura al quinto posto nella classifica dei dipendenti provinciali più votati alle elezioni medesime.

Gli elettori hanno quindi riconosciuto ed apprezzato l’impegno e la militanza sindacale della Bachetti che è stata eletta in un organismo rappresentativo sindacale la prima volta nel 1998/2001 (con la CGIL) e confermata con un lusinghiero successo personale nel 2001/2004 quando risultò la prima delle elette nella lista della CGIL.

Addirittura, in considerazione del fatto che era risultata la prima delle elette, le sarebbe spettato il coordinamento della RSU ma… ma questa è un’altra storia.

Anna Maria Bachetti, la prima volta con il CSA, è stata quindi eletta con ampio consenso.

La riprova che il suo impegno sindacale e la sua grande disponibilità nei confronti dei colleghi hanno riscosso il plauso, l’accettazione e la fiducia degli stessi che l’hanno seguita anche in questo suo nuovo incarico, dando agli autonomi una presenza ed una voce in più di libertà ed indipendenza per la tutela dei diritti dei lavoratori.

Addirittura per 6 voti la lista del CSA – USPPI non ha preso un secondo rappresentante nella stessa RSU provinciale e anche gli altri candidati della suddetta lista hanno raggiunto risultati lusinghieri: Vallesi Giovanni (26 voti – se fosse stato eletto sarebbe risultato tra i primi 10) e Di Agostino Vincenzo (15 voti).

26/11/2004





        
  



3+2=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Economia e Lavoro

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)
24/10/2022
Premi di studio della Banca del Piceno a 59 giovani (segue)
24/10/2022
Clinica Villa dei Pini: arriva l’innovativa Risonanza magnetica (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji