Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Molinari:"Nel fine settimana mi incontrerò con Gaucci e vedremo il da farsi"

San Benedetto del Tronto | Il direttore generale della Samb si sta godendo un momento di relax nella sua residenza estiva calabrese di Botricello e nei prossimi giorni conoscerà il suo futuro.

di Luca Bassotti

"Nel prossimo fine settimana mi sentirò con Luciano Gaucci e vedremo il da farsi. Ora sono in ferie". Dalla sua residenza estiva calabrese di Botricello il direttore generale della Samb, Claudio Molinari, si gode un momento di relax dopo una stagione molto estenuante sotto l'aspetto organizzativo. Durante il campionato, forse preso da un momento di sconforto e ritenendo che il suo ciclo fosse finito, il diggì rossoblù aveva fatto paventare, alla fine della stagione, un suo distacco dalla Samb e prendere eventualmente in considerazione le richieste che gli sarebbero pervenute da società di categoria superiore.

Dal suo destino potrebbero dipendere anche le mosse di Gaucci. Infatti, Molinari è un fedelissimo di Luciano Gaucci e quindi un addio del dg rossoblù potrebbe significare un disimpegno da parte del patron romano. "Ho passato quattro anni bellissimi con Gaucci e quindi resto a sua disposizione – dice Molinari – Coltivo la speranza che insieme alla famiglia Gaucci si possa programmare una stagione ambiziosa per puntare alla serie B. Quello che è terminato a Crotone è stato un campionato che ha fornito una grossa delusione. Ci sono state colpe da parte di tutte le componenti".

Dopo la gara di Crotone è stato ordinato il rompete le righe per i giocatori, che potrebbero tornare ad allenarsi solo se dovesse verificarsi una particolare eventualità. "Giovedì prossimo la Caf  dovrebbe prendere la decisione su Samb-Viterbese – conclude Molinari – Ripetendo la gara e vincendola, ci darebbe la possibilità di scavalcare il Lanciano e conquistare il sesto posto in classifica".  

17/05/2004





        
  



3+4=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji