Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Un chiodo fisso in testa. La crescita del paese.

Grottazzolina | La vigilia delle presentazione delle liste è stata assolutamente all'insegna della tranquillità. Entrambe le liste mirano alla crescita del paese, la differenza la farà il programma elettorale.

di Alessio Carassai

Clima assolutamente disteso fra le due liste di centrosinistra e centrodestra che sabato hanno dato ufficialmente il via alla campagna elettorale. L'amministrazione uscente arriva da una decisione maturata all'insegna della continuità e quindi la scelta più equilibrata è stata nel vice sindaco Mariano Ambrogi, scelta arrivata con ampio anticipo.

Più riflessiva la decisione della Casa delle libertà, che forse anche per una semplice strategia ha sciolto gli indugi solo alla fine. Il clima di Grottazzolina però è assolutamente sereno, come esempio può essere utilizzato l'ultimo Consiglio comunale, dove si sono approvati anche progetti importanti dell'urbanistica del comune, ma su cui c'è stato vasto assenso.

Gli obiettivi di entrambe le liste guardano alla crescita del paese che oggi vanta circa 3100 anime, un paese in forte espansione e la differenza a questo punto arriverà dal programma. 

Il candidato sindaco per il centrosinistra con la lista "La colomba", è Mariano Ambrogi ex vice sindaco di Grottazzolina, mentre per la lista ci sono: Cutrini Clarissa, Andreoli Giuliano, Screpanti Bruno, Catalini Ave, Cintio Tiziana, Santarelli Paola, Mavatani Giuseppe, Traini Giuliano, Miola Daniela, Fortuna Michela, Pistagnesi Lanfranco, Priori Patrizio, Pupilli Domenico, Mancini Mauro, Biondi Samuele (ex sindaco), Buratti Sante.

Per la lista di centrodestra "Lista della Torre", si presenta come candidato sindaco Marco Baldassarri, supportato dai candidati di lista: Angelini Marco, Baldoncini Simone, Bonifazi Tonino, Bonini Claudio, Cappella Rosauro, Conti Giampiero, Eusebi Giuseppe, Lucani Feliziano, Mazzoni Sauro, Pelosi Giancarlo, Ripanucci Gianmarco, Roberti Benvenuto, Roso Desiree, Santoni Antonella, Savini Aurelio, Trentuno Ezio.

17/05/2004





        
  



4+1=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji