Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

La lista trasversale potrebbe rendere le cose più difficili.

Falerone | Invece di una corsa a due è saltata fuori all'ultimo momento una terza lista che ingloba rappresentanti sia del centrosinistra sia del centrodestra.

di Alessio Carassai

La sensazione che ci potesse essre una terza lista, si è avvertita venerdì sera, anche se qualcuno da tempo stava lavorando a questo progetto nel più assoluto riservo e alla fine l'effetto sorpresa si è sentito. A Falerone come a Montappone il panorama era già molto chiaro, l'opposizione con Giulio Celi, sfidava l'amministrazione uscente con in testa Massimo Bertuzzi.

Ora questi equilibri sono diversi proprio a causa della terza lista, insomma le elezioni a falerone sono sempre più incognita. Il candidato sindaco del centrodestra per la lista "Insieme per Falerone", è Massimo Bertuzzi ex sindaco, mentre per i candidati di lista ci sono: Bitti Arianna, Calamita Carlo, Carderà Stefano, Cecchi Sauro, Cesetti Eleonora, Confaloni Rossella, Copponi Giancarlo, Del Belo Nicola, Fagiani Simone, Granatelli Cheti, Ilari Francesco Luciani Filippo, Paolantoni Paola, Pettinari Adriano, Quintozzi Maria Teresa, Deodori Sergio.

Per la lista di centro "Energia, lavoro e benessere per tutti", c'è il candidato sindaco Giancarlo Illuminati, mentre i candidati consiglieri sono: Antognozzi Monica, Ciucaloni Enzo, Cosimi Mario, Giorgetti Vera, Monadi Pasquale, Morganti Angelo, Orazi Simona, Pistolesi Angelo, Sulpizio Andrea, Tortù Rosalia, Vasco Giancarlo, Zamponi Piero.

Per la lista di centrosinistra "La spiga di grano", c'è invece il candidato sindaco Giulio Celi appoggiato dai candidati al consiglio comunale: Aramini Paolo, Ciccangeli Adele, Concetti Aristide, Cordari Luigi, Giacinti Andrea, Lepri Cinzia, Marini Enrico, Massei Paola, Pazzaglia Sergio, Rastelli Costantino, Rizieri Monica, Santinelli Dino, Scaloni Stefano,Tacchetti Gaetano, Tofoni Sergio, Vitali Michela.     

17/05/2004





        
  



2+4=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji