Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

L'Ascoli è con l'acqua alla gola

Ascoli Piceno | Precipita a Venezia (1-0, Biancolino) e fallisce un rigore con Colacone.

VENEZIA: (4-3-2-1): Soviero (9'st Benussi); Orfei, Calori, Maldonado, Bianchi; Pisani, Anderson, Brellier; Poggi (16'st Manetti), Miramontes; Biancolino (31'st Parente). A disposizione: Grassadonia, Liendo, Bovo, D'Antoni. Allenatore: Gregucci.

ASCOLI (4-4-2): Micillo; Martinelli, Brevi, De Martis, Tentoni (16'st Modesto); La Vista, Caracciolo, De Vezze (47'st Amodeo), Antonelli; Pià, Colacone (22'st Ascenzi). A disposizione: Maurantonio, Corallo, Speranza, Biso. Allenatore: Ammazzalorso.

ARBITRO: Girardi di San Donà di Piave.

RETE: 27' Biancolino.

NOTE: spettatori 3.000 circa; espulsi al 35'st Caracciolo per somma di ammonizioni, al 46'st Brellier per proteste ed al 47'st il tecnico del Venezia Gregucci per proteste; ammoniti: Miramontes, Anderson, Antonelli, Brevi; calci d'angolo 5-3 per l'Ascoli; minuti di recupero 1+5.

 

Sull'orlo del baratro. L'Ascoli perde anche a Venezia, quarta sconfitta consecutiva in trasferta, ed ora la zona calda è lì. Sono appena due le lunghezze che dividono i bianconeri dal quartultimo posto.

A decidere la sfida del Penzo è un gol di Biancolino, giunto a metà della prima frazione di gioco. Pasticcio difensivo dei bianconeri, la palla perviene a Poggi che serve il solissimo Biancolino che non ha difficoltà a superare Micillo. La squadra di Ammazzalorso, comunque discreta per i primi 45 minuti, ha l'opportunità di pareggiare. Orfei atterra La Vista e Girardi assegna il rigore. Colacone si incarica della trasformazione, ma Soviero neutralizza.

Nella ripresa, l'Ascoli cerca di reagire, va bene fino ai venti metri avversari, ma denota la solita inconsistenza in fase realizzativa

14/03/2004





        
  



2+3=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji