Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Inaugurato uno sportello AVIS a Castorano

Castorano | Lo sportello vuole essere un punto di riferimento culturale con lo scopo di incrementare sempre di più il numero di donatori

di Nicola Lucidi

 Ieri sera l'AVIS di Spinetoli-Pagliare, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale, ha inaugurato lo "Sportello AVIS" nel suggestivo centro storico, alla presenza del presidente AVIS di Spinetoli-Pagliare, Ubaldo Sabbatini, del sindaco Guido Maoloni, del parroco don Cesare Cossignani, e di molti donatori e cittadini.

"Un momento sociale molto importante se si considera il forte spirito di solidarietà che ha sempre animato questo comune – precisa il presidente Sabbatini – a Castorano sono attivi ben 46 donatori, un numero superiore di ben 6 unità alla media nazionale che ci prefiggiamo di autosufficienza nazionale. Lo sportello, situato presso il palazzo dei servizi sociali in piazza Umberto I, oltre che arricchire socialmente la cittadinanza, vuole essere un punto di riferimento culturale con lo scopo di incrementare sempre di più il numero di donatori (da uno studio effettuato si può arrivare a circa 400 donatori ogni 1000 abitanti)".

Per la realizzazione di questo progetto è stato determinante il coordinamento continuo e costante fra l'AVIS di Spinetoli-Pagliare, sempre attenta al sociale, e l'Amministrazione Comunale di Castorano, che con fermezza hanno voluto l'apertura dello sportello.

"Nel corso dell'anno vorremmo aprire anche uno sportello a Colli del Tronto ed uno a Monsampolo – prosegue il presidente Sabbatini – per tentare di ampliare il numero di donatori e sensibilizzare sempre più persone, facendogli comprendere l'importanza del dono del sangue.  Solo quest'anno gli ospedali di Ascoli Piceno e S. Benedetto sono andati in emergenza sangue ben 8 volte. E' questo che vorremo far capire ai nostri probabili donatori, che il sangue non si trova in farmacia, ma bisogna donarlo, è un gesto nobile ed un dovere sociale di ognuno di noi".

31/01/2004





        
  



2+5=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji