Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Continua a lavorare la Fermana in vista della trasferta di domenica a Foggia.

Fermo | Ieri i canarini hanno disputato ua gara amichevole a Falconara con la Castelfrettese che hanno vinto per 2 - 1 con i gol realizzati di Pirro e Montesi.

di Fabrizio Ferri

Foggia - Fermana meno tre. Mister Bruniera ha intesificato il lavoro sia tecnico che tattico e nei giorni che mancano al confronto, il tecnico dovrà trovare la soluzione più idonea per rendere la vita dura ai Pugliesi.

Un Foggia che vorrà cancellare la sconfitta interna patita prima della sosta con l'Acireale, un Foggia che se vuole sperare di riagganciare la zona play off, non può permettersi ulteriori passi falsi, un Foggia regina del Mercato che ha messo a segno colpi interessanti: L'attaccante Nigeriano Enyinnaya, il difensore Creanza dal Bari, il Mediano La Rosa della Fidelis Andria e il trequartista Faieta dal Sora.

Di contro la Fermana è ancora incompleta come ha affermato anche il presidente Giacomo Battaglioni ma che può contare sulla piena affidabilità dei nuovi arrivati e in particolare sul difensore centrale ( così dovrebbe impiegarlo Mister Bruniera ) Mengoni. Buona Impressione ha destato anche Di Bari anch'esso impiegato in fase difensiva, molto arcigno ma con un discreto piede. Lavorano con grande impegno anche Onesti, Luciani e Monti.

Parlare di formazione è ancora prematuro anche se il banco di prova di ieri pomeriggio a Falconara con la Castelfrettese, ha fornito delle concrete indicazioni. Mister Bruniera ha utilizzato tutti gli elementi a sua disposizione ad eccezione di Perra ( ancora alle prese con l'attacco influenzale ), Pacini e Monti che hanno lavorato a parte e Romualdi a riposo precauzionale, schierando due formazioni ben distinte. Per la Cronaca la partita è stata vinta dalla Fermana per 2 - 1 con reti di Pirro e Montesi. Oggi allenamento mattutino al Collegio di Pubblica Sicurezza.

30/01/2004





        
  



5+1=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji