Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Pietro Colonnella tra gli stand del Micam

| MILANO - Positivi i segnali raccolti dagli amministratori locali nel visitare gli imprenditori presenti al Micam.

di Stefania Ceteroni

Dopo la delusione di Dussendolf, gli imprenditori marchigiani hanno riacquistato il sorriso a seguito dei primi risultati delle visite da parte dei clienti che non sono mancati all'appuntamento con la fiera più attesa per il settore  calzaturiero.

"Magari tutte le crisi fossero così". E' stato questo uno dei commenti più ricorrenti tra chi ha ammesso che per essere un periodo di crisi, così come viene ribadito oramai da tempo, c'è chi si è detto piuttosto soddisfatto.

Avvisaglie di ripresa? Forse è troppo presto per cantare vittoria, ma il fatto che si comincino a vedere visi più distesi e qualche sorriso ricorrente sono di certo un buon auspicio per il futuro.

Naturalmente sono necessari i dovuti distinguo visto che per alcuni espositori si è avuta "calma piatta" fin dai primi momenti.

Ancora due giorni, comunque, prima di poter stilare un bilancio definitivo della fiera. I visitatori non sono mancati, all'ingresso degli stand - molti dei quali rigorosamente chiusi e per i quali la visuale era off limits - si è effettuata una rigorosa selezione soprattutto davanti a potenziali clienti orientali.

22/09/2003





        
  



4+3=

Altri articoli di...

Economia e Lavoro

08/01/2020
Conferenza pubblica 10 gennaio - progetto europeo “Lasciamo scegliere le donne!” (segue)
30/11/2019
Riasfaltato la zona del Molo Sud (segue)
26/11/2019
Progetto europeo BE YOUR BOSS! (segue)
19/11/2019
Piano Pluriennale 2020 - 2022 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno (segue)
20/10/2019
VERSO DUBAI EXPO 2020 (segue)
10/08/2019
SMARTEAM, Capofila Progetto Europeo ERASMUS PLUS (segue)
28/07/2019
Gate-away.com: uno straordinario esempio di imprenditoria di successo (segue)
29/05/2019
Foodiestrip e Associazione Albergatori "Riviera Delle Palme" (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji