Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Lo Sviluppo territoriale e locale

Ascoli Piceno | Dibattito sulla gestione di una politica comune.

di Raffaella Annibali

Presso la SALA B&B della PICENO CONSIND, si è svolto un incontro – dibattito sul tema “AGENDE REGIONALI STRATEGICHE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE LOCALE”. Tra gli ospiti dell'incontro, il Presidente della provincia Pietro Colonnella, il Direttore del Dipartimento Programmazione e Bilancio Pietro Marcolini, l'Assessore Armellini e Gianfranco Bastiani, Presidente della Piceno Consind. Gli interventi del dibattito hanno dunque riguardato l'ARSTEL (AGENDE REGIONALI STRATEGICHE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE LOCALE) che rappresenta ,nell'ambito della programmazione regionale,  uno strumento capace di  governare il mutamento, facendo convergere differenti politiche e azioni per lo sviluppo locale verso una visione condivisa del futuro del  Territorio.

L'intenzione è, attraverso le Agende, quella di coordinare in forma sinergica, le filiere di investimenti e di interventi pubblici e privati e realizzare,  attraverso la Regione, interlocutrice dei localismi,  e la Provincia, la gestione  dell'Intesa per lo Sviluppo Locale. Le Agende hanno perciò la funzione di incoraggiare le aggregazioni delle autorità dei piccoli Comuni, incentivandole con progetti comuni, previsti tra gli strumenti della programmazione.

Le ARSTEL, dunque, contribuiranno a razionalizzare gli interventi in atto e previsti , ricostruendo il quadro delle risorse da attivare, semplificando le procedure e coordinando le varie forme  di programmazione negoziata locale. Esse, in definitiva, possono essere indicate come una reinterpretazione regionale in chiave di programmazione flessibile degli interventi già presenti in un determinato distretto territoriale.  

La nuova programmazione, basata sulle Agende Regionali, consente alle reti istituzionali di interagire con le reti funzionali, concorrendo allo sviluppo gestito  a livello territoriale locale.

“ Lo strumento delle ARSTEL”, ha dichiarato il dott. Pietro Marcolini, “ si inserisce nell'ambito di una sperimentazione già richiamata dalla programmazione negoziata…. Esse realizzano la necessità di politiche comuni di sviluppo indirizzate ad obiettivi significativi. Occorre integrare , in una logica di sostenibilità sociale ed ambientale, il contesto economico con l'agricoltura , l'artigianato, i servizi per il benessere comune.” “ Non è auspicabile” ha proseguito, “ una  frammentazione dei nuclei sociali economici e costituzionali, ma c'è la necessità di politiche integrate. Bisogna evitare la marginalizzazione di alcune aree e aumentare la cultura della responsabilità e la logica del cambiamento, per valorizzare saperi e risorse locali. Per questo è necessario passare dalla cultura del chiedere a quella del fare”.

01/06/2003





        
  



1+3=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Economia e Lavoro

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)
24/10/2022
Premi di studio della Banca del Piceno a 59 giovani (segue)
24/10/2022
Clinica Villa dei Pini: arriva l’innovativa Risonanza magnetica (segue)
ilq

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji