Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Vinitaly 2003, 62 aziende a Verona con la Regione Marche

| Silenzi: "Una promozione per tutto il settore agroalimentare".

Sessantadue aziende vinicole con 310 'etichette' delle migliori annate - dal 1998 al 2002 - dei dodici prestigiosi vini Doc marchigiani; otto produttori di olio selezionato; una superficie espositiva di oltre mille metri quadri per il vino e 260 per l'olio; una campagna pubblicitaria personalizzata che si snoda dal padiglione della Fiera alla Stazione ferroviaria centrale di 'Porta Nuova': sono i numeri con i quali la Regione Marche si presenta alla 37a edizione del Vinitaly, il Salone internazionale dei vini e dei distillati più importante d'Italia (e tra le tre manifestazioni mondiali di settore più prestigiose), che si svolge a Verona dal 10 al 14 aprile.

Una presenza qualificata - ha sottolineato l'assessore regionale all'Agricoltura, Giulio Silenzi - "perché investire sul vino significa promuovere tutto il settore agroalimentare marchigiano, l'immagine della regione, il suo territorio, la tipicità delle sue produzioni. Ai vini proposti a Verona affidiamo il compito di raccontare le Marche, la loro storia, la loro ricchezza culturale, affidando a illustri marchigiani il compito di presentare la regione".

Vino e territorio: un binomio inscindibile che a Verona viene sottolineato attraverso una campagna pubblicitaria incentrata sullo slogan: 'I vini delle Marche, le migliori marche dei vini' e sulle immagini di tre illustri marchigiani (Raffaello, Rossini, Leopardi) che, nell'ordine, 'prediligono- i rossi, 'decantano- i bianchi, 'lodano- gli uni e gli altri, giocando con termini che richiamano i settori artistici in cui sono emersi.
La pubblicità della Regione, oltre a vivacizzare lo stand alla Fiera (Padiglione 16 - stand D7, C6/7/8), si sviluppa all'esterno dei padiglioni e lungo tutto il percorso che unisce la Fiera alla Stazione centrale, attraverso uno snodo viario strategico nei giorni della manifestazione. Sono stati posizionati manifesti, totem e gigantografie nei punti di maggiore visibilità, legando, con immagini mirate, i messaggi ai temi sviluppati nello stand della Regione: una sorta di invito ad entrare nelle Marche vinicole proposte a Verona.

Il padiglione della Regione è stato completamente rinnovato negli allestimenti e vivacizzato con un'animazione continua nell'arco della durata della manifestazione. Ospiterà anche la conferenza stampa di venerdì 11 aprile (ore 11,30), nel corso della quale verrà presentata la campagna promozionale dei vini marchigiani, alla presenza degli assessori regionali all'Agricoltura, Giulio Silenzi; al Bilancio, Luciano Agostini; al Turismo, Lidio Rocchi.
Oltre alle 62 aziende vinicole ospitate nello stand della Regione, al Vinitaly sono presenti altri 26 produttori marchigiani ospitati negli spazi dei vari consorzi nazionali di appartenenza. In totale, dunque, le aziende marchigiane presenti risultano 88, alle quali vanno aggiunte le otto oleicole che partecipano al salone specifico (Sol) dedicato all'olio.

Scheda. La presenza nelle Marche di 12 vini a denominazione di origine è forse una controprova della varietà di questa terra, al 'plurale' anche per quanto riguarda la produzione vinicola, che abbraccia tutte le tipologie enologiche (bianchi, rossi, amabili, spumanti). Le Marche si collocano al decimo posto tra le regioni produttrici di vini. Sono 13 i vitigni di pregio, alcuni autoctoni, che costituiscono l'ossatura della viticoltura regionale. La superficie vitata totale è di circa 20 mila ettari (quasi 9 mila a Doc), che assicura una produzione totale di 1 milione e 800 mila ettolitri di vino (388 mila Doc). Le aziende vinicole sono 27 mila, le cantine private 6 mila, quelle sociali 25.

09/04/2003





        
  



4+4=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
15/11/2022
800.000 euro per le scuole (segue)
14/11/2022
Tre milioni di persone soffrono di disturbi dell’alimentazione e della nutrizione (segue)
31/10/2022
Il Belvedere dedicato a Don Giuseppe Caselli (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
26/10/2022
Il recupero della memoria collettiva (segue)
26/10/2022
Giostra della Quintana di Ascoli Piceno (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)

Economia e Lavoro

16/11/2022
Project Work Gabrielli, i vincitori (segue)
02/11/2022
Glocal 2022: dove i giovani diventano protagonisti del giornalismo (segue)
02/11/2022
Sisma 2016: approvati 15 mila contributi per 4.8 miliardi (segue)
28/10/2022
Zero Sprechi, al via un progetto per la lotta agli sprechi alimentari (segue)
27/10/2022
A Cartoceto, nelle ‘fosse dell’abbondanza’ per il rituale d’autunno della sfossatura (segue)
26/10/2022
Tribuna presso lo Stadio “Cino e Lillo del Duca” (segue)
24/10/2022
Premi di studio della Banca del Piceno a 59 giovani (segue)
24/10/2022
Clinica Villa dei Pini: arriva l’innovativa Risonanza magnetica (segue)

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji