Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

L'orchestra nazionale sinfonica Siriana approda al Teatro dell'Aquila.

Fermo | Due appuntamenti di grande musica con una delle orchestre di maggiore tradizione musicale d'Europa. Il primo appuntamento è per questa sera al Teatro dell'Aquila, e domani la musica siriana suonerà al teatro di Porto San Giorgio.

L'Orchestra nazionale sinfonica Siriana arriva a Fermo, un grandissimo evento di cultura e musica. L''Incursione di Tam club nel mondo accademico e della world music, infatti, per la prima volta in Italia, arriverà l'Orchestra nazionale sinfonica Siriana per un tour che toccherà le città di Fermo e Jesi. Un'orchestra classica di 60 elementi che si avvale anche della presenza di virtuosi degli strumenti etnici tradizionali siriani; oud, nai, kanoun, rababa, kaouala. Il magnetismo seducente e sensuale della musica orientale...

Domani pomeriggio alle ore 18 invece la musica Araba Siriana richeggerà in un concerto Incontro al Teatro comunale Porto San Giorgio. Tam "irrompe" nel mondo accademico e della world music con una tre giorni dedicata alla tradizione orientale. La tournée in terra marchigiana dell'Orchestra sinfonica nazionale Siriana al debutto assoluto in Italia, riconferma la vocazione del nostro territorio ai grandi appuntamenti internazionali. Le origini di questo ensemble vanno ricercate all'inizio degli anni '60, quando il Maestro Sulhi Al Wadi formò l'Orchestra da camera Siriana, dando il via ad un'intensa attività di diffusione del repertorio musicale e culturale della Siria, ergendosi al contempo come autentico portavoce della cultura araba nel mondo.

Il cammino dell'Orchestra trova nel 1993 un momento di particolare suggestione con una performance che cambierà la sua attività concertistica: il debutto con più di 80 musicisti al Palazzo dei Congressi di Damasco, che segue di tre anni la fondazione dell'Istituto Superiore della Musica di Damasco.Si susseguono le esibizioni, dal Medio Oriente al cuore del continente Europeo, fino a toccare gli Stati Uniti. E si susseguono anche i direttori: dal cileno Rieteng allo statunitense Rudg; dal francese Biget al teutonico Thomas dall'italiano Guaragna all'olandese Vossen; dagli austriaci Melkus, Lippe e Groehs all'armeno Babakhanian e all'egiziano Saidi; non poteva mancare in questo fugace e non esaustivo elenco il nome di Riccardo Muti,  che nel luglio di quest'anno ha diretto l'Orchestra in un concerto al Teatro antico romano di Bousra, accanto al Coro del Teatro Nazionale di Damasco e l'Orchestra ed il Coro della Scala di Milano. Lo storico repertorio sinfonico e operistico siriano è affidato dal 2003 al M° Missak Baghboudarian, che ha avuto anche l'onore di inaugurare nell'aprile del 2004 il Teatro dell'Opera della sua città nativa, Damasco.

13/11/2004





        
  



5+1=

Altri articoli di...

Fermo

06/04/2007
An: "Vinceremo al primo turno" (segue)
06/04/2007
Fermana: festa insieme al Comune per la Promozione (segue)
06/04/2007
Concerto di Pasqua con il Trio Sabin (segue)
06/04/2007
Parte il dizionario della cucina marchigiana (segue)
06/04/2007
Blitz del Corpo forestale: sequestrato anche il canile di Capodarco (segue)
06/04/2007
Basket: l'Elsamec si rovina la festa (segue)
06/04/2007
Acquista la casa all'asta e la proprietaria si vendica avvelenandole le piante (segue)
05/04/2007
Due arresti per le rapine alle tabaccherie: ma i due sono già in carcere (segue)

Cultura e Spettacolo

28/04/2011
“BRUNO LAUZI – Questo piccolo grande uomo" (segue)
24/04/2011
“Bruno Lauzi – Questo piccolo grande uomo” (segue)
15/04/2011
Un cinema non solo da “vedere”: al via la rassegna “La posta in gioco” (segue)
04/04/2011
Stagione teatrale: “FABIO RICCI…CANTA ZERO” (segue)
28/03/2011
“La mia provincia": un premio alle classi vincitrici del concorso di disegno (segue)
25/03/2011
Ultimo appuntamento con i Teatri D’Inverno (segue)
25/03/2011
PATTY PRAVO TOUR 2011 (segue)
23/03/2011
150 Anni dell'unità d'Italia (segue)

Il teatro di Melingo

Melingo "Linyera"

Paolo De Bernardin

Venezuela: terra lontana, terra di lotta

guerriglia urbana
Quando la politica dello scacchiere diventa fede dispensata alla massa e manipola il destino degli uomini.

Martina Oddi