Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Il sorriso ironico di Chicco Testa a Monteprandone

Monteprandone | Chicco Testa si è intrattenuto con la giornalista RAI Barbara Capponi sopra al suo ultimo libro Facile dire di no (Marsilio), scritto a quattro mani con l'amico Sergio Staino, che ha curato la parte grafico-fumettistica.

di Alceo Lucidi

Chicco Testa

La lontananza dei cittadini dalla politica, i ritardi accumulati dall'Italia nell'ammodernamento delle reti infrastrutturali ed ancora il rapporto con l'ambiente, i vantaggi di un efficientamento intelligente dell'agricoltura, i timidi passi avanti nei settori tecnologici, soprattutto in termini di sviluppo industriale, sono questi alcuni dei temi affrontati, lunedì 2 luglio, da Chicco Testa a Monteprandone nell'ambito del Festival "Piceno d'autore" che è già al suo secondo appuntamento.

Chicco Testa manager, già presidente di Enel e ora di un colosso dell'energia come Solgenia, ex-parlamentare, scrittore e corsivista discusso, capace di notevoli cambi di rotta (dall'ambientalismo al nucleare), critico contro ogni forma di immobilismo culturale all'italiana, si è intrattenuto con la giornalista RAI Barbara Capponi sopra al suo ultimo libro Facile dire di no (Marsilio), scritto a quattro mani con l'amico Sergio Staino (che a dire il vero ha curato la parte grafico-fumettistica).

Dal connubio intellettuale (si sono definiti "la strana coppia") è nato un lavoro ricco di spunti - condivisibili o meno naturalmente - in grado, eppure, di scattare una fotografia, tra l'impietoso e l'ironico, su interi pezzi dello Stivale. L'idea - attacca Testa - risale ai tempi dell'Unità con Staino direttore e lui a tenere una rubrica, ControVerso, dove con rapidi accenni all'attualità - scritti di mattino presto dopo la lettura dei giornali - Testa ricava spunti, osservazioni, trae conclusioni graffianti (come nel suo stile) sui tanti No dell'Italia ad una crescita ragionata.

Dalla tanto criticata Tav alle ipocrisie sugli Ogm, dalle moderne reti elettriche del paese (in particolare il collegamento della linea ad altra tensione tra la Sicilia alla Calabria), dall'uso dei robot alle discariche ed i termocombustori, presi di mira preconcettualmente da quelli che Testa chiama "gli ambientalisti immaginari", sempre pronti a combattere battaglie ideologiche e poco basate sui dati concreti, nell'Italietta dell'"oscurantismo di massa", c'è sempre spazio per il no, a tutti i livelli, soprattutto laddove ci sarebbe bisogno di maggiore coraggio e capacità di visione, di una collaborazione in termini strategici.

Testa si spinge anche più in là nel dibattito e, incalzato dalle pertinenti domande della Capponi, riconducendosi al tema della IX edizione del "Piceno d'autore (il rapporto tra scienza e coscienza), definisce i termini in cui ognuno dovrebbe porsi nel confronti del progresso umano.

Se la scienza - o meglio il metodo scientifico ragiona Testa - «è un continuo processo di falsificazione popperiana dei dati acquisiti», in uno schema per cui ad un'acquisizione scientifica segue, spesso, una confutazione, o comunque un miglioramento delle condizioni di partenza facendo leva sul dubbio critico, la nostra percezione dovrebbe modularsi in base alla sensibile evoluzione della realtà. Così è successo per il Newtonismo superato dal concetto di relatività di Einstein e, a sua volta, ridiscusso dalla fisica quantistica.

L'etica è quella bussola individuale che, nel mare magnum dell'evoluzionismo scientifico, immersi come siamo in una Natura che, per definizione non è né buona né cattiva ma leopardianamente amorale, dovrebbe guidare i nostri passi in vista del bene comune, mossi dal buon senso.

Non poteva mancare la citazione da Immanuel Kant, a chiusura della Critica della ragion pura, che fissa e sostanzia il ragionamento del manager: «Due cose riempiono l'animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me e la legge morale in me».

Del relatore potranno anche non essere prese tutte le affermazioni, a volte iperboliche, più spesso sarcasticamente pungenti e pragmatiche, non tutto può essere sciolto dal progresso, ma una cosa appare certa: se il sistema Italia continuerà a negare le occasioni di rilancio sarà destinato ad un marginalità internazionale ed una perdita di competitività che preoccupa anche un ottimista come Testa.

03/07/2018





        
  



2+1=

Altri articoli di...

San Benedetto

20/07/2018
Cocktail d'autore sotto al sole (segue)
20/07/2018
Lunedì 23 luglio Giulio Giorello ospite a Piceno d'Autore. Coordina Filippo Massacci. (segue)
20/07/2018
L'Estate della città, il vademecum a portata di mano (segue)
20/07/2018
Venerdì 20 luglio primo dei "Concerti nella chiesa dell'Annunziata" (segue)
20/07/2018
Giorgini-Maggi M5S sulla nomina del direttore di Area Vasta (segue)
20/07/2018
San Benedetto Tennis Cup: eliminato Quinzi! (segue)
19/07/2018
Riunione del Comitato dei Sindaci dell'Ambito Territoriale Sociale 21. Presente il sindaco Piunti (segue)
19/07/2018
Stefano Tura presenterà il libro " A regola d'arte" (segue)

Cultura e Spettacolo

20/07/2018
Lunedì 23 luglio Giulio Giorello ospite a Piceno d'Autore. Coordina Filippo Massacci. (segue)
20/07/2018
L'Estate della città, il vademecum a portata di mano (segue)
20/07/2018
Venerdì 20 luglio primo dei "Concerti nella chiesa dell'Annunziata" (segue)
19/07/2018
Stefano Tura presenterà il libro " A regola d'arte" (segue)
18/07/2018
Tra scienza e letteratura prosegue il Festival "Piceno d'autore" con il Prof. Vincenzo Vagnoni (segue)
18/07/2018
Jazz & Gourmet: protagonisti della nuova edizione i capolavori della canzone napoletana (segue)
17/07/2018
A San Benedetto del Tronto Sandra Petrignani con “La corsara-Ritratto di Natalia Ginzburg” (segue)
16/07/2018
A San Benedetto del Tronto la vincitrice della settantaduesima edizione del premio Strega (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino