Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Eseguite due misure cautelari dalla Squadra Mobile per furto aggravato

Ascoli Piceno | Alla fine del mese di maggio un italiano e un rumeno fingendo di giocare alle slots machines all'interno del bar "Stadio" di via Rozzi, erano riusciti a manometterle, forzandole, e a portar via circa 330 euro di monete.

Slot machine

La sezione Reati contro il patrimonio della Squadra Mobile ascolana, unitamente al personale di quella teramana, ha eseguito nel pomeriggio di oggi 2 misure cautelari nei confronti di un italiano e di un rumeno, responsabili di furto aggravato.
Alla fine del mese di maggio i due uomini, fingendo di giocare alle slots machines all'interno del bar "Stadio" di questa via Rozzi, erano riusciti a manometterle, forzandole, e a portar via circa 330 euro di monete.

Nello stesso periodo gli stessi soggetti avevano colpito anche al bar "Il Cacciatore", poiché erano trovate, all'interno dei cambiamonete almeno 7 banconote di 50, per metà vere e per metà contraffatte, che introdotte nella macchinetta, avevano consentito l'erogazione del corrispettivo in monetine da uno e due euro.

Ed infine gli stessi malviventi, nelle stesse giornate, avevano colpito all'interno del bar tabacchi di via Napoli, impossessandosi di oltre 1.300 euro, dopo aver forzato, manomettendole ben tre slot machine.

L'attività di indagine subito posta in essere, coordinata dal Sost. Proc. Lorenzo Maria Destro, aveva consentito di far emergere indizi precisi e concordanti nei confronti di:
1) S. G., teatino del 1987, ma residente a Silvi Marina (TE), con precedenti di polizia specifici, per aver perpetrato furti con medesime modalità, in altri esercizi commerciali sul territorio abruzzese, ora ristretto in carcere di Teramo;
2) M. P., rumeno del 1971, residente a Silvi Marina e rintracciato a Monesilvano (PE), sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, grazie anche alle testimonianze delle vittime che attentamente erano state allertate dal rumore delle monetine erogate ogni volta, che le aveva indotte ad annotarsi il numero di targa della 147 a bordo della quale i due uomini erano giunti presso gli esercizi commerciali. All'identificazione si è giunti anche grazie alle immagini di videosorveglianza dei locali interessati dai furti in questione.

Il G.I.P presso il Tribunale di Ascoli Piceno, Dr.ssa Annalisa Giusti, concordando con gli esiti delle risultanze investigative, ha disposto le 2 custodie cautelari.

01/03/2018





        
  



5+2=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

22/09/2018
Nove città marchigiane per 12 eventi in occasione della "Settimana europea dello sport" (segue)
20/09/2018
Gli appuntamenti con il teatro di Cristiana Castelli (segue)
15/09/2018
Pareggio giusto tra Colli ed At. Ascoli per la Coppa Marche. (segue)
14/09/2018
Il 15 settembre a Campli cerimonia di consegna della bandiera dei "Borghi più belli d'Italia" (segue)
11/09/2018
Implementazione di un protocollo ERAS in ASUR-AV5 (segue)
11/09/2018
Cerimonia Di Inaugurazione e Intitolazione della Caserma "Colle San Marco". (segue)
10/09/2018
Operazione "Avidoro" della Guardia di Finanza (segue)
06/09/2018
Sabato 8 settembre Alba Adriatica diventerà la capitale della bellezza maschile (segue)

Cronaca e Attualità

22/09/2018
Si è conclusa l'operazione "Mare Sicuro 2018" (segue)
14/09/2018
Il 15 settembre a Campli cerimonia di consegna della bandiera dei "Borghi più belli d'Italia" (segue)
11/09/2018
Sanità nelle Marche ed il valore residuo dei titoli (segue)
11/09/2018
Implementazione di un protocollo ERAS in ASUR-AV5 (segue)
11/09/2018
Cerimonia Di Inaugurazione e Intitolazione della Caserma "Colle San Marco". (segue)
10/09/2018
Operazione "Avidoro" della Guardia di Finanza (segue)
06/09/2018
Sabato 8 settembre Alba Adriatica diventerà la capitale della bellezza maschile (segue)
05/09/2018
Fiume Tronto. Continua il programma di interventi per eliminare criticità idrauliche (segue)

Le strade musicali dell'Ebraismo nel compendio cinematografico di David Krakauer

David Krakauer "The Big Picture"

Paolo De Bernardin

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji


Io e Caino