Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Arrivo ad Ascoli dei pellegrini del "Cammino francescano della Marca"

Ascoli Piceno | In cattedrale solenne benedizione del Vescovo Montevecchi. Presenti il Presidente Celani e l'Ass. Antonini

I pellegrini del Cammino francescano

Con l'abbraccio ideale e sentito della comunità picena ai 30 pellegrini protagonisti della prima edizione del "Cammino Francescano della Marca" si è conclusa, ieri, dopo 8 giorni di tragitto a piedi e quasi 190 km percorsi, l'iniziativa ideata dalla Provincia - Assessorato alla Cultura e Ambiente - in collaborazione con il Capitolo Piceno della Confraternita di San Jacopo di Compostella e inserita come anteprima del Festival dell'Appennino.

Il gruppo, dopo essere partito in mattinata da Venarotta, è transitato lungo un itinerario incantevole, immerso tra i calanchi e le gole del Rio Chiaro. Dopo aver toccato gli antichi borghi di Venapiccola, Tirabotte e Gimigliano è giunto, nel primo pomeriggio, ad Ascoli dove, dopo aver visitato la chiesa di San Francesco e il centro storico, si è spostato in Cattedrale, nella cripta di Sant'Emidio, per la benedizione del Vescovo S.E. Silvano Montevecchi che si è felicitato con tutti i pellegrini per "la toccante testimonianza di fede e perseveranza sulle orme di S.Francesco, e di tutti i santi, i beati e i fedeli che nel corso della ultramillenaria storia cristiana hanno elevato il significato di pellegrinaggio a momento di profonda ricerca e conoscenza del Divino".

Nel suggestivo spazio sotterraneo del presbiterio del Duomo, si è svolta poi una solenne cerimonia durante la quale il Vescovo, dopo la liturgia del pellegrino, ha consegnato loro l'Emidiana, ovvero l'attestato di avvenuto pellegrinaggio. Alla funzione hanno preso parte anche i membri della Confraternita Picena di San Jacopo di Compostella, di cui è priore proprio l'Assessore alla Cultura, Ambiente e Tradizioni Locali Andrea Maria Antonini. Presenti anche il Presidente della Provincia Piero Celani, il dirigente del Servizio Cultura e Turismo dott. Roberto Giovannozzi e il sindaco del comune di Pievebovigliana (MC) Sandro Luciani. A seguire, si è tenuta anche la consegna delle credenziali ad alcuni pellegrini che raggiungeranno nei prossimi giorni il Portogallo e la Spagna per affrontare lo storico Cammino di Santiago di Compostella.

Al termine della cerimonia si è tenuto, quindi, in Piazza dell'Arengo un brindisi finale alla presenza di tutti i protagonisti del Cammino che ha attraversato 15 comuni, 4 province, 2 regioni. A nome di tutti, la guida del gruppo Maurizio Serafini ha ricordato come "si è trattata di un'esperienza indimenticabile e straordinaria vissuta all'insegna dell'amicizia, della spiritualità e della bellezza paesaggistica. Desidero per questo rivolgere un ringraziamento speciale alla Provincia, agli Enti, alle Pro Loco e in particolare alle persone di ogni frazione e paese che ci hanno testimoniato grandissimo affetto e sostegno, dandoci da mangiare, da bere e incoraggiandoci lungo il tragitto. E' questa la vera forza del Cammino il cui segreto risiede proprio nella semplicità e nell'essenzialità di chi lo vive".

Da parte sua l'Assessore Antonini al termine dell'intensa ed emozionante giornata ha quindi annunciato "che sin dalla prossima edizione il Cammino prenderà il via, ogni anno, da Assisi nel giorno del 25 aprile. Nostra intenzione è infatti quella di creare una sinergia sempre più forte e condivisa tra enti, comuni e associazioni al fine di promuovere e valorizzare al meglio un'iniziativa carica di valori e riferimenti ideali". Dello stesso avviso anche il Presidente Celani che, dopo aver salutato tutti i presenti, ha dato appuntamento alla prima tappa del Festival dell'Appennino 2012 che partirà proprio da Ascoli Piceno alla volta di Colle San Marco il 19 maggio prossimo.

03/05/2012





        
  



5+5=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

26/07/2016
Area di Crisi Complessa: il 27 Luglio ad Ascoli si ragiona sulle Opportunità per le Imprese (segue)
26/07/2016
Finalmente recuperati graffiti e affreschi del Palazzo Ferri-Cataldi ad Ascoli (segue)
24/07/2016
3 Arresti dei Carabinieri nell’Ascolano (segue)
23/07/2016
Il Battistero di Ascoli Piceno tra arte, storia e simbologia (segue)
23/07/2016
Arresto di tre marocchini per rissa aggravata e detenzione di arma da taglio (segue)
23/07/2016
Accurati servizi anti-prostituzione della Polizia nelle province di Ascoli e Fermo (segue)
22/07/2016
ABROS: a settembre il convegno annuale interamente dedicato al mondo fitoterapico (segue)
21/07/2016
All'Americo torna il cabaret (segue)

Cultura e Spettacolo

26/07/2016
Intervista a Simona Samarelli (segue)
26/07/2016
Finalmente recuperati graffiti e affreschi del Palazzo Ferri-Cataldi ad Ascoli (segue)
26/07/2016
"Piceno d'Autore 2016" chiude con gli studenti e Rossana Campo, vincitrice del Premio Strega Giovani (segue)
26/07/2016
Palio del Pattìno, domenica la gara tra i rioni (segue)
26/07/2016
Quel “Maniaco” del Lettore sul lettino di un Libraio. (segue)
26/07/2016
"Nati per Leggere", nella suggestiva Piazza Bambini del Mondo (segue)
25/07/2016
Edoardo Albinati – Vincitore del Premio Strega 2016 – al Circolo Nautico Sambenedettese (segue)
25/07/2016
Piceno d’Autore premia la Casa Editrice Longanesi nel 70° anno dalla sua fondazione (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

IL VALORE DELLA FIABA POPOLARE

I bambini son più convinti degli adulti dell'importanza delle fiabe popolari. Essere adulti,infatti,significa spesso,essere adulterati da spiegazioni razionali e sottovalutare gli aspetti infantili che si ritrovano nelle fiabe.

Antonio De Signoribus


Io e Caino