Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Disposizioni ministeriali per il voto delle Forze Armate

Ascoli Piceno | Potranno votare in qualsiasi sezione del comune in cui si trovano per motivi di servizio

In occasione delle consultazioni elettorali che si svolgeranno nelle giornate di domenica 15 maggio in orari di votazione dalle ore 8 alle ore 22  e 12  giugno 2011 e dalle ore 7 alle ore 15 nelle giornate di lunedì 16 maggio e 13 giugno 2011  - i militari delle Forze Armate e gli appartenenti a Corpi militarmente organizzati per il servizio di Stato, alle Forze di Polizia ed al Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco potranno esercitare, previa esibizione della tessera elettorale rilasciata dal proprio Comune, il diritto di voto, per le succitate consultazioni elettorali, anche in occasione dell'eventuale ballottaggio, in qualsiasi sezione del Comune in cui si trovano per causa di servizio e con precedenza sugli altri elettori iscritti nelle relative liste; si precisa che, per le elezioni comunali e provinciali, potranno votare con le predette modalità agevolative purché elettori, rispettivamente, di quel Comune (per le elezioni comunali) o di un Comune della Provincia in cui si trovano per motivi di servizio (per le elezioni provinciali).

Al riguardo, il Ministero dell'Interno ritiene opportuno consigliare l'adozione di alcune cautele idonee a prevenire ogni inconveniente che potrebbe verificarsi in dipendenza dell'esercizio delle facoltà previste dalla legge per le categorie di elettori sopraindicati.

Infatti, nei centri nei quali esistono cospicui reparti di Forze armate, di Corpi militarmente organizzati, di Forze di Polizia ovvero di Vigili del Fuoco, può verificarsi l'affluenza in massa degli appartenenti a detti reparti in determinate sezioni elettorali, specialmente in quelle che presentano un maggior numero di iscritti, ipotesi che potrebbe determinare un congestionamento nelle operazioni dell'Ufficio elettorale di sezione e ritardare, conseguentemente, l'esercizio del voto per gli elettori assegnati a quelle sezioni. Per ovviare a tali inconvenienti, il Ministero ha disposto che le Commissioni elettorali dei Comuni di cui si tratta assegnino un limitato numero di elettori alle sezioni ubicate in prossimità delle caserme.

Si prospetta, pertanto, la necessità che i Comandi dei reparti e dei Corpi in parola prendano opportuni accordi con i Sindaci dei Comuni, al fine di procedere allo smistamento dei propri dipendenti fra le predette sezioni, cercando di avviarli in piccoli gruppi alle urne e stabilendo opportuni turni, nelle ore di prevedibile minore affluenza, in maniera tale da assicurare l'esercizio del diritto di voto da parte di tutti gli elettori.

Inoltre, per evitare che le agevolazioni previste dalle succitate norme per la votazione dei militari, degli appartenenti alle Forze di Polizia od ai Vigili del Fuoco in servizio in un Comune diverso da quello nelle cui liste sono iscritti, possano dar luogo ad abusi oppure ad irregolarità da parte di elementi estranei alle Forze armate o ad Organi ad esse assimilati - e tenuto conto anche delle difficoltà che possono frapporsi, all'atto della votazione, all'accertamento dell'effettiva qualità di militare o di appartenente ai suddetti Corpi degli elettori di cui si tratta - appare consigliabile che i Comandanti di reparto predispongano un'apposita dichiarazione, da esibire al presidente del seggio, attestante la prestazione effettiva del servizio. Per i militari o per gli appartenenti ai predetti Corpi, eventualmente distaccati in altra sede per esigenze di ordine pubblico, la dichiarazione dovrebbe recare, in aggiunta, l'indicazione del Comune in cui voteranno.

Analoga dichiarazione potrebbe essere predisposta, a cura dei Comandi o degli Uffici competenti, per i dipendenti che si trovassero a prestare servizio isolato fuori dal Comune nelle cui liste sono iscritti. I militari o gli appartenenti agli indicati Corpi in licenza (di convalescenza, ordinaria), che si trovano fuori dalla sede del Corpo e fuori dal territorio del Comune nelle cui liste sono iscritti, potranno essere ammessi a votare nel Comune in cui si trovano. In tal caso, non occorrerà alcuna dichiarazione, ma sarà sufficiente, a dimostrare il diritto predetto, il foglio di licenza oppure un documento equivalente già in possesso delle categorie in parola.

Data l'esigenza di assicurare la massima regolarità nello svolgimento delle operazioni di votazione, si confida che gli Enti ed i Comandi in indirizzo vorranno prendere nella più attenta considerazione i suggerimenti del Ministero ed impartire, tempestivamente, le conseguenti disposizioni agli organi dipendenti, in merito alle quali si gradirà poter ricevere cortesi notizie.

02/05/2012





        
  



3+2=

Altri articoli di...

Ascoli Piceno

24/08/2016
Terremoto, si scava ancora: 250 morti (segue)
23/08/2016
Donne Sambenedettesi di Isa Tassi Marinangeli alla Palazzina Azzurra (segue)
21/08/2016
Miss Italia: finale di Miss Abruzzo il 24 agosto (segue)
20/08/2016
Alla Vecchia Lampada in scena il Premio TripAdminchion mercoledì 24 agosto (segue)
17/08/2016
45^ edizione della Sagra della Porchetta Italica dal 18 al 22 agosto (segue)
12/08/2016
L'Atletico Azzurra Colli riparte con nuove forze. L'imprenditore Cancilleri ex presiden del Pagliare (segue)
10/08/2016
“Servizio di Quartiere” dei Carabinieri sventa tentativo di truffa ad Ascoli (segue)
10/08/2016
Presentazione del volume "Andrea Pazienza, il mio nome è Pentothal" di Luigi di Fonzo (segue)

Cronaca e Attualità

25/08/2016
Emergenza sisma: raccolta, stop da domani (segue)
25/08/2016
Terremoto: cessata l’emergenza sangue (segue)
25/08/2016
Terremoto: Partito da San Benedetto il primo carico di aiuti (segue)
24/08/2016
Un Fondo di Solidarietà della Città di San Benedetto per le popolazioni colpite dal Sisma (segue)
24/08/2016
Emergenza terremoto, a Grottammare allestiti due punti di raccolta (segue)
24/08/2016
Emergenza Sisma – Protezione Civile delle Marche in piena operatività (segue)
24/08/2016
Annullato il Campo Scuola “Anch’io sono la Protezione Civile” (segue)
24/08/2016
Terremoto: San Benedetto sospende la programmazione di eventi ed iniziative pubbliche (segue)

Castelbellino night jazz

Una serata con il grande jazz

Andrea Carnevali

IL VALORE DELLA FIABA POPOLARE

I bambini son più convinti degli adulti dell'importanza delle fiabe popolari. Essere adulti,infatti,significa spesso,essere adulterati da spiegazioni razionali e sottovalutare gli aspetti infantili che si ritrovano nelle fiabe.

Antonio De Signoribus


Io e Caino