Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Fondi ex Irca, approvato lo statuto per il Comitato di garanzia.

Porto San Giorgio | Questo statuto servirà a definire con chiarezza le linee programmatiche che il Comitato istituito per garantire che i fondi derivati dall'alienzione di queste proprietà vengano utilizzati per scopi sociali.

di Alessio Carassai

Nel febbraio 1998 la Giunta regionale dichiarò estinte alcune istituzioni operanri sul territorio: "Ricovero di Mendicità Properzi", "Istituto Pio Trevisani", "Ricovero di Mendicità Rutolini","istituto Femminile per Orfane Maria Emiliani Collina", e né trasferì i beni al Comune di Porto San Giorgio. L'amministrazione ha inteso individuare uno strumento in grado di interagire con essa per ciò che concerne la progettazione di servizi e la tutela della destinazione d'uso delle somme derivanti dall'alienazione dei beni ex Irca, nel rispetto delle finalità di assistenza sociale contemplate dagli statuti degli anzidetti enti di beneficenza estintisi.

Per queste ragioni ci si intende avvalere di un organismo appositamente costituito cui attribuire una funzione di supporto tecnico, con finalità propositive, consultive e di verifica delle scelte che verranno operate all'interno della programmazione politico amministrativa. A tale scopo, nell'ultima seduta del Consiglio comunale, è stato approvato lo statuto per la costituzione del Comitato di indirizzo e garanzia.

 Il Comitato rappresenterà l'organismo di garanzia del rispetto delle volontà espresse dai benefattori che, con i loro lasciti, hanno inteso donare i beni di proprietà per destinarli ad alleviare le sofferenze di quanti versano in gravi difficoltà, per assicurare una condizione umanamente e socialmente adeguata, nel rispetto della dignità della persona in condizione di bisogno.

Il Comitato esprimerà il proprio parere anche in relazione alla destinazione dei beni, mobili ed immobili, che venissero acquisiti dal Comune in seguito ad atti di cessione da parte di nuove Opere Pie, per finalità sociali.

04/05/2004





        
  



4+1=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji