Cerca
Notizie locali
Rubriche
Servizi

Silenzio! Fischia Collina!

Ascoli Piceno | Considerazioni semiserie sulle gesta dolciamare dell'Ascoli Calcio

di Federica Poli

Giungo allo Stadio scannatissima con l'orario, per ovvi impegni lavorativi. Tutto è pronto al Del Duca per questa partita sotto le stelle. Ho indossato il mio abito migliore e… che il sipario si alzi!

Rapida scorsa ai soggetti in campo e mi par di vedere una pelata a me nota. Ehi ma, sbaglio o si tratta dell'arbitro internazionale Pierluigi Collina? Quello che tutti identificano come il più bravo del mondo. Quello che ha contribuito allo scudetto della Lazio in maniera determinante. È lui! E che ci fa ad arbitrare l'Ascoli? Mi sa tanto che s'è sbagliato e pensa che noi siamo la Juve e il Bari l'Ancona. (ci va bene allora !)

Oppure, in Lega hanno, finalmente, capito che l'Ascoli è una squadra importante ed ha bisogno di arbitri all'altezza del blasone?

E, come dimenticare che i galletti sono allenati dall'uomo che l'Ascoli l'ha portato in serie B. Mister Bepi Pillon . Cori e nostalgia incorniciano una serata dei grandi ritorni, anche Sasà Bruno saluta il suo pubblico con la manina dalle ridenti e assolate terre pugliesi

Tra una guest star e l'altra comincia la partita.

Sarà per il freddo, sarà per l'emozione di vedere Collina dal vivo, sarà per l'autografo chiestogli negli spogliatoi, ma i nostri a tutto pensano meno che a giocare.

In difesa compare il redivivo Tentoni che non fa rimpiangere il sostituito Modesto. A centrocampo, però, il pianto amaro, Mattia Biso non ne azzecca una, eppure era bravo a Teramo!

Speedy De Vezze sembra metterci l'anima ma non basta .

Per Di Venanzio spreco un discorso a parte: dopo che ha segnato il suo primo gol in questa stagione pare voglia farci capire che ha imparato e tenta da tutte le posizioni. Vi ricordate Braveheart l'anno scorso? Beh, cavallopazzo in questo film impersona il futuro giocatore di rugby che si allena su un campo di calcio e da ogni parte tenta una mèta!

Che dire dell'attacco? Oggi inesistente. Marco Ascenzi…ato si muove ma non tocca una palla e Actarus Pià vola basso anche se, ad onor del vero, è l'unico che prova discese e tiri decenti nello specchio. Tenete anche conto che è sempre il mio preferito quindi potrei non essere obiettiva! Uomo avvisato…

Intanto, i giocatori fanno a gara per farsi fischiare qualcosa dall'internazionale in campo, chi si inventa una punizione, chi cade simulando, chi si scontra con lui facendo finta di non averlo visto. Insomma il vero protagonista del match è lui! Ragazzi ma ci pensate l'uomo che ha arbitrato la finale della Coppa del Mondo ed ora è qui tra La Vista e Bellavista, tra De Martis e Dou Dou. Mi sa che se n'è accorto che non si tratta di Juve – Ancona. E questa partita mette davvero tanto sonno!

Non ci accorgiamo neppure del passaggio primo-secondo tempo tanto siamo impegnati ad esaminare gli errori e le strategie (sbagliate) dei bianconeri.

La depressione la fa da padrona, il rimpianto per le partenze di gennaio incombe come una mannaia su ogni discorso degli allenatori sugli spalti e, sapete ad Ascoli i Trapattoni, Lippi ed Ancelotti non mancano mai a godersi lo spettacolo bianconero.

Tra uno sbadiglio ed una lacrima il match clou della settimana (visto l'arbitro naturalmente!) si chiude.

Per la partita di andata quando l'Ascoli di mister Dominissini vinse su un derelitto Bari titolai "Una rondine non fa Primavera" ora che la stagione dei fiori che sbocciano è alle porte per l'Ascoli di rondini all'orizzonte nemmeno una!

E che il sipario si abbassi per favore!

09/03/2004





        
  



4+3=

Altri articoli di...

Quando il giornalismo diventa ClickBaiting

Quanto è sottile la linea che divide informazione e disinformazione?

Kevin Gjergji